Home Page | Albo Istituto | Registro Elettronico | Circolari | Amministrazione Trasparente
INFORMAZIONI
Circolari
Modulistica
Circolari (docenti)
Orario Scolastico
Orari Ricevimenti
Orari Segreteria
Tasse e Contributi
Albo d'Istituto
Ammin. Trasparente
Spazio Sindacale
Accessibilità
PIANO OFFERTA FORMATIVA
Dirigenza
Organigramma
Contatti
Dove Siamo
R.A.V.
Atto di indirizzo del D.S.
PTOF
Risorse
Descrizione dei corsi
Progettazione didattica
Alternanza Scuola Lavoro
Servizio C.I.C.
Curricoli disciplinari
Programmazione del Consiglio di Classe
REGOLAMENTI E PATTO EDUCATIVO
Regolamento Istituto
Registro Elettronico
Patto educativo di corresponsabilità
RISORSE
Archivio Maturità
Buona Scuola
Sezione Aurea
Links









 
Tra due fuochi. Ragazzi in guerra 1915-18
Il teatro per mantenere viva la memoria. Giovedì 30 novembre gli studenti delle classi quinte del "Paschini Linussio" parteciperanno alla rappresentazione teatrale "Tra due fuochi. Ragazzi in guerra 1915-18" scritto e diretto da Bruna Braidotti e allestito dalla Compagnia di Arti & Mestieri di Pordenone con gli attori Arianna Addonizio, Enrico Bergamasco, Sonia Cossettini, Paolo Mutti, Enrica Schittar, Luca Zanetti.
La pièce si snoda lungo le battaglie e le vicende del fronte italo-austriaco, dall'Adriatico al Carso, dalla Carnia al Trentino, fino a Caporetto e al Piave, mettendo in scena le sofferenze e i drammi dei soldati e dei civili, sacrificati alla logica scellerata dei nazionalismi e della guerra di trincea.
Lo spettacolo prende avvio con Mussolini irredentista, reduce dalla sua esperienza di maestro a Tolmezzo, che incita alla partecipazione alla guerra e prosegue a raccontare gli eventi dal '14 al '18 attraverso diversi personaggi ed eventi emblematici: la madre di Riccardo Giusto, il primo caduto italiano, un soldato in trincea sul Carso, una crocerossina degli ospedali nelle retrovie a San Giorgio di Nogaro, gli alpini e i soldati austriaci sul fronte dolomitico nelle battaglie delle mine, la spia italiana Luisa Zeni che aveva avvertito, non creduta, della Strafexpedition, un soldato autolesionista, i "matti di guerra", le portatrici carniche, le prostitute delle numerose case di tolleranza a Udine, i fatti di fratellanza sul fronte carnico, le esecuzioni sommarie, la battaglia di Caporetto e la fuga dal Friuli, la battaglia sul Piave nell'autunno del '18.
La narrazione è inframezzata dai dati che contestualizzano il momento storico, la consistenza degli armamenti, la situazione internazionale, la produzione industriale, la situazione italiana in quegli anni: una serie di dati che rivelano gli "interessi superiori" per cui si mandarono al massacro centinaia di migliaia di giovani vite.
Tutto lo spettacolo è accompagnato dal canto corale degli attori dei motivi tipici e caratteristici del periodo bellico che compongono la colonna sonora delle vicende che si susseguono sul palco.
La storia della Grande Guerra si intreccia alle vicende umane dei protagonisiti di allora, grandi e piccoli, realizzando un racconto collettivo di un conflitto criminale che aprì le porte al fascismo e a uno dei periodi più bui della storia europea.

(26 Novembre 2017)
© 2017 ISIS "Pio Paschini" | via Ampezzo 18 | 33028 Tolmezzo (UD) | tel. 0433 2078 | fax 0433 41219 | email: udis019009@istruzione.it